Contrattura Muscolare

contrattura-muscolare

Contrattura Muscolare – La contrattura muscolare non è un disturbo di grave entità, ma a causa dei sintomi che provoca, può essere considerata molto fastidiosa, soprattutto se non immediatamente trattata. Quando parliamo di contrattura muscolare, dunque, ci riferiamo a una lesione della muscolatura, che non colpisce soltanto gli sportivi o le persone che fanno lavori molto attivi, in quanto può colpire persino le persone sedentarie, quelle con qualche chilo di troppo e anche in gravidanza. Scopriamone di più!

Come abbiamo appena detto, la contrattura muscolare non è un disturbo grave o invalidante, ma può risultare piuttosto dolorosa se non trattata, in quanto i sintomi che la caratterizzano non permettono di svolgere con facilità tutte le attività quotidiane, anche quelle più semplici.

Questo disturbo, che quindi può colpire una gran fetta di persone, e non solo quelle più attive, si caratterizza da sintomi specifici, come gonfiore e dolore a livello della parte interessata, durezza del muscolo implicato e impossibilità di deambulazione, soprattutto nei casi più gravi.

Fortunatamente, in tempi rapidi, almeno 3/10 giorni, questo disturbo dovrebbe attenuarsi se non risolversi del tutto.

Naturalmente, durante il periodo di trattamento, è necessario assumere farmaci miorilassanti e antinfiammatori, che si occupano del rilassamento del muscolo, consentendo alla zona di sfiammarsi completamente. Inoltre, si consiglia di praticare della ginnastica leggera e massaggi fisioterapici.

Come avviene la contrattura muscolare?

Dunque, nel momento in cui un determinato muscolo viene stimolato oltre il termine di sopportazione fisiologico, la muscolatura si contrae per effetto di difesa.

In questo caso, quindi, si manifesta dolore nella zona interessata, con conseguente infiammazione e persino rigidità del muscolo colpito dalla contrazione.

Contrattura al Polpaccio

Moltissimi sono i muscoli che possono essere colpiti dalla contrazione muscolare, tra questi anche quelli del polpaccio. E, in questo caso specifico, ci riferiamo a un trauma che può manifestarsi con molta più frequenza nei soggetti che praticano regolarmente sport, oppure in quelli che non fanno stretching prima di fare attività fisica.

Ovviamente, anche nel caso del polpaccio, la causa può essere dovuta allo sforzo intenso, e quindi, il muscolo costantemente sollecitato inizia a contrarsi e provocare diversi sintomi, come dolore, gonfiore e rigidità. Oltre allo sforzo troppo intenso e a un programma non adeguato di riscaldamento, la contrattura al polpaccio può manifestarsi persino a causa di una postura non corretta o addirittura facendo le scale.

Seppur non parliamo di una lesione profonda che interessa le fibre muscolari di questo muscolo, la contrattura al polpaccio deve essere immediatamente trattata, poiché se sottovalutata può provocare conseguenze peggiori. Dunque, per i primi giorni è necessario sospendere qualsiasi attività, per riprendere poi poco alla volta.

Anche nel caso di contrattura al polpaccio, è necessario consultare subito il medio curante e rivolgersi a uno specialista, in modo da poter escludere traumi peggiori e sottoporsi al percorso di cura più giusto nel proprio caso. Anche in questo caso, il medico curante o lo specialista, procederà alla prescrizione di farmaci miorilassanti e antinfiammatori, così da consentire alla muscolatura interessata di tornare alle sue normali funzionalità.

In caso di trauma al polpaccio, quindi, si rivela estremamente necessario sospendere ogni tipo di attività fisica e non, poiché il dolore è molto forte anche alla normale deambulazione, impedendo al soggetto di poter camminare con facilità. In questo caso, oltre al primo soccorso con applicazione del ghiaccio sulla zona interessata, è necessario intraprendere il giusto percorso di cure, che potrebbe comporsi da fisioterapia e stretching, da effettuare specialmente prima dell’attività fisica.

Contrattura Schiena

Molti sono i soggetti che possono manifestare una contrattura alla schiena, e tale problema può rivelarsi persino piuttosto frequente e apportare gravi conseguenze se non tempestivamente trattato. Fortunatamente, ci riferiamo a un disturbo di moderata entità, anche se si manifesta con dolore forte e intenso. Anche in questo caso, si consiglia di non sottovalutare questo disturbo, perché a lungo andare potrebbe provocare conseguenze spiacevoli e disturbi frequenti.

Anche in questo caso, il disturbo può risolversi nel giro di 3 o 10 giorni, con l’assunzione di antinfiammatori, con della leggera fisioterapia e massaggi specifici. A differenza delle altre contratture, però, quella alla schiena deve essere trattata con i giusti metodi, poiché in questo caso vengono coinvolti tutti i muscoli della schiena, compresa la cervicale che potrebbe subire danni molto gravi.

Nel caso di contrattura della schiena, le cause possono essere differenti tra di loro, ma può essere attribuita soprattutto alla cattiva postura, all’assenza di stretching prima dell’attività fisica, uno sforzo di intensa entità, movimenti bruschi e così via.

Naturalmente, a seconda della zona che viene colpita, l’aumento del tono muscolare differisce di gran lunga. Di fatti, nel caso in cui viene interessata la cervicale, si manifesta una severa rigidità del collo, con conseguente mal di testa, vertigini e addirittura nausea. Invece, nel caso in cui viene colpita la zona lombare, si manifesteranno i tipici sintomi del comune mal di schiena.

Anche nel caso di contrazione alla schiena, è obbligatorio il riposo forzato e trattamenti di riabilitazione, oltre all’assunzione di farmaci antinfiammatori e miorilassanti, che per di più riducono il dolore, rilassano il muscolo, sgonfiandolo di conseguenza. Quindi, i trattamenti fisioterapici e non e il percorso di guarigione, dipendono soltanto dalla zona della schiena che viene colpita.

Contrattura Trapezio

Con il termine specifico trapezi, ci riferiamo dei muscoli, dalla forma triangolare, posizionati sulla schiena, ai lati del collo. Queste fasce muscolari si rivelano particolarmente importanti, tuttavia, stirare il trapezio può rivelarsi piuttosto facile e frequente. Di fatti, a causa di un movimento brusco o di uno strattone, questo muscolo ne risente immediatamente.

Ma come si presenta la stiratura del trapezio?

Quanto ai primi sintomi, questi sono facilmente riconoscibili, perché non permettono in nessun modo i movimenti della testa e delle spalle.

Inoltre, si ha un’ampia possibilità che la contrattura di questo importante muscolo coincida con dolori o indurimento della muscolatura, con conseguenti spasmi nella zona delle spalle e del collo.

La contrazione del trapezio, però, può manifestarsi anche con il formicolio delle mani.

Quindi, dopo aver accertato la contrattura del trapezio, è necessario procedere con il giusto percorso di cura. Solitamente, si consiglia la terapia PRICE:

  • Protezione,
  • Riposo,
  • Immobilizzazione,
  • Compressione,
  • Elevazione.

Si rivela particolarmente necessario evitare il calore e movimenti che possono sollecitare questo muscolo, tra cui massaggi e rotazioni del collo, in modo da proteggere il più possibile il trapezio.

Deve essere evitata, inoltre, ogni tipo di attività che possa aggravare la situazione per circa 43 giorni, e di conseguenza procedere con l’immobilizzazione del trapezio, tramite tutore morbido da applicare al collo. Si rivela estremamente importante persino applicare compressioni fredde sul muscolo, per almeno 20 minuti per 5 volte al giorno.

Contrattura Lombare

Gli scatoloni in mansarda erano troppo pesanti? Trasportandoli hai subito una contrattura muscolare? Vediamo insieme di cosa si tratta e come curarla. Quando parliamo di contrattura a livello lombare, dunque, ci riferiamo a una lesione muscolare della schiena bassa, che si manifesta con dolore acuto e presentarsi in seguito a uno sforzo. Può inoltre manifestarsi come un leggero fastidio, che se non tempestivamente trattato può peggiorare nel giro di pochi giorni.

Come abbiamo appena visto, le cause più comuni sono rappresentate dallo sforzo intenso, ma può manifestarsi persino in seguito a una scorretta postura. In questo caso, dunque, la terapia più adeguata è rappresentata dai farmaci antinfiammatori e dal pomate a livello locale, nonché evitare ogni movimento brusco, fare stretching prima dell’allenamento e riposarsi il più possibile. Solo in questo modo, infatti, si ha la possibilità di alleviare gli spasmi e donare nuovamente elasticità alla muscolatura generale.

Possono soffrire con più frequenza di contrattura lombare, i soggetti sedentari, che a causa di uno sforzo eccessivo possono causare una contrattura, le persone con i chili di troppo e le donne in gravidanza, specialmente durante gli ultimi mesi, a causa del peso della pancia. Ognuna di queste condizioni, dunque, può causare una contrattura improvvisa e dolorosa della muscolatura della schiena bassa. La terapia più adeguata nel caso di contrattura lombare, è rappresentata dall’assunzione di farmaci antinfiammatori, iniezioni nei casi più gravi e farmaci decontratturanti.

Lo stretching, si rivela piuttosto importante nel caso di contrattura lombare, e deve essere eseguito anche in caso di contrattura lombare, in modo da dare elasticità alla muscolatura della schiena e permettere la guarigione.

Contrattura Collo

Gli spasmi che interessano la zona del collo, sono solitamente provocati dalla contrattura della fascia muscolare del rachide cervicale. Se non tempestivamente trattata, la contrattura al collo può apportare spiacevoli conseguenze anche nel tempo.

Durante un movimento brusco o qualsiasi altro tipo di attività che può causare dolore alle fasce muscolari del collo, dunque, questo muscolo agisce con un meccanismo di difesa, contraendo in maniera involontaria e provocando un intenso dolore. Solitamente, si manifesta con dei movimenti bruschi e può durare persino fino a qualche settimana. I sintomi con cui si caratterizza questo tipo di contrattura, dunque, sono diversi tra di loro, come rigidità del collo, spasmi localizzati nella zona del rachide cervicale, nausea, mal di testa con vertigini e debolezza degli arti superiori.

Sicuramente, la prevenzione si rivela particolarmente importante e, dunque, è importante mantenere sempre una buona postura e tenere a riposo questa zona nel caso di contrattura. Lo sport, inoltre, si rivela estremamente importante per rinforzare i muscoli del collo e persino della schiena, garantendo una valida qualità del riposo ed evitare ogni situazione di stress.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.