Maria Sharapova, Una delle Migliori Tenniste al Mondo

maria sharapova una delle migliori tenniste al mondo

Maria Sharapova, Una delle Migliori Tenniste al Mondo – E’ un’atleta piuttosto famosa nel mondo dello sport, conosciuta soprattutto per il suo grandissimo talento in campo.

Classe 87, nata in Russia, più precisamente a Nyagan, Maria ha il tennis nel sangue. All’età di quattro anni incontra per la prima volta il grandissimo campione Yevgeny Kafelnikov, che le regalò una racchetta. All’età di sei anni si appassiona al tennis, tanto da chiedere a suo padre di iscriverla alla scuola di tennis di Nick Bollettieri in Florida.

All’età di sette anni suo padre la porta negli Stati Uniti. Qui i responsabili di IMG, la sponsorizzano decidendo di pagare ben 35.000 dollari all’anno per farla soggiornare all’accademia. All’età di nove anni Maria può riabbracciare sua madre che, finalmente, riesce a raggiungere la Florida.

Imprese Sportive

Maria Sharapova inizia la sua carriera tennistica nel 2001, periodo in cui sono previsti numerosi successi. Nell’anno 2004 Maria diventa famosa nel mondo, e con la sua bravura e la sua tecnica riesce a sconfiggere tutte le avversarie che incontra nei suoi match, portandosi a casa il primo Torneo dello Slam.

Nel 2006 è la vincitrice degli Us Open, battendo in finale la celebre Justine Henin. Nel 2008, invece, riesce ad aggiudicarsi gli Australian Open, tuttavia a causa di un problema di salute non riesce a partecipare alle Olimpiadi. Durante l’anno Maria, tra alti e bassi dovuti all’infortunio alla spalla che ha subito, riesce a recuperare la sua forma fisica e la salute mentale.

Nel 2011 sebbene abbia subito la sconfitta nella finale di Sony Ericsson Open di Miami, rientra nella top ten del ranking mondiale. Nel 2012 riesce ad aggiudicarsi la vittoria al Roland Garros, dove riesce a superare Sara Errani in finale, tornando ad essere la numero uno al mondo.

Punti di Forza della Sharapova

In campo la Sharapova non usa tecnico-tattiche e, per diversi fattori fisici legati specialmente al suo carattere, tutti i coach che l’hanno seguita durante la sua crescita tennistica, si sono maggiormente concentrati sulle sue potenzialità in pochi colpi.

Maria è un attaccante da fondo campo che, da sempre punta ad ottenere le redini dello scambio per poter comandare il gioco fin dalle fasi iniziali e chiudere il prima possibile. L’efficacia dei suoi colpi è dovuta al fatto che, la Sharapova non scende a rete per colpire la palla, ma lo fa soltanto per chiudere un punto con uno smash o uno schiaffo al volo.

Inoltre, data la sua altezza (1,88m) la Sharapova è un’atleta rapida. Dall’anno 2008 il suo gioco è diventato vario, in quanto la tennista ha iniziato a colpire, sempre più frequentemente, la palla con il rovescio con effetto slice e a tentare palle corte. Sebbene si tratti di un gioco piuttosto aggressivo, Maria afferma di amare la sua arma migliore, ossia la forza mentale e lo spirito competitivo di cui dispone.

Il metodo che usa tutte le volte che si appresta a servire viene definito un rituale. Durante una partita di tennis, Maria sa sempre come muoversi per poter raggiungere la vittoria. Infatti, adotta una posizione quasi frontale, gambe distanziate e fa rimbalzare la pallina per due volte, in questo modo compie il suo movimento.

Poi alza la punta del piede sinistro, posiziona la pallina sotto al profilo della racchetta e, mentre sta per lanciare, unisce le gambe in modo da poter sfruttare al meglio la spinta del corpo. Grazie a questo movimento fluido, dunque, riesce a concludere il suo colpo.

La Sharapova preferisce prime piatte, anche se ha ottenuto buoni risultati grazie a slice carichi di effetto e piuttosto rapidi. All’inizio della sua carriera tennistica, la prima e la seconda di servizio dell’atleta si caratterizzavano per la medesima velocità e risultavano piuttosto efficaci. Tuttavia, dal 2007 anno in cui subì l’infortunio alla spalla, il suo servizio divenne più debole.

In quel periodo, infatti, per non subire dei break, cercava sempre di forzare sia di dritto che di rovescio. Nel 1009 invece, il servizio della Sharapova inizia ad essere nuovamente efficiente. Agli US Open dello stesso anno, l’atleta russa iniziò a provare a servire come all’inizio della sua carriera, ovvero come prima dell’infortunio. Ebbe grandi risultati nel 2010 a Birmingham, dove riuscì a servire la battuta più veloce della sua carriera sportiva.

Netti miglioramenti sono stati notati nel 2013, in seguito agli allenamenti di Thomas Hogstedt, dove riuscì a non commettere più falli.

Per quanto riguardano le superfici più adatte al suo stile di gioco, sono senza dubbio quelle veloci. All’inizio della sua carriera, la Sharapova, infatti, riusciva sempre a imporsi in queste due tipologie di terreno. Di fatti, i primi Slam vinti nella sua carriera, sono avvenuti tutti su superfici veloci.

Durante i primi anni della sua carriera, la Sharapova non si sentiva a suo agio sulla terra battuta, considerata una superficie piuttosto lenta e non adatta ai giochi aggressivi. Nel 2007 ha dichiarato che, quando giocava sulla terra, si sentiva come: “una mucca sul ghiaccio”, in quanto questo tipo di superficie non le permetteva di scivolare bene.

Nel corso degli anni ha dimostrato notevoli miglioramenti nel suo gioco su questo tipo di superficie. Infatti, nel 2010 si è aggiudicata il primo titolo sulla terra a Strasburgo. Dopo la vittoria dell’Open in Francia nel 2012, ha ottenuto anche il Career Grand Slam. Riuscì a raggiungere la finale anche nel 2013 durante il torneo parigino e nel 2014, anno in cui lo vinse nuovamente.

Con tutti i grandiosi risultati che è riuscita ad ottenere in tutta la sua carriera tennistica, la Sharapova è diventata la giocatrice di tennis più brava al mondo.

Vita Privata Maria Sharapova

Durante la sua carriera sportiva, la Sharapova è stata legata al celebre tennista bulgaro Grigor Dimitrov, con il quale è stata assieme fino al 2015. Prima di questa relazione, è stata legata al cestista sloveno Sasha Vujacic.

Della sua vita privata sappiamo anche che, la Sharapova ha ideato una sua linea di caramelle nel 2013, che prende il nome di: Sugarpova. La linea di caramelle è stata fondata da Maria Sharapova insieme a Jess Rubin, il fondatore della IT’SUGAR. Per quanto concerne la sua linea, possiamo affermare che ci sono 12 gusti di caramelle. I nomi sono alquanto bizzarri: dall’innamorato allo sportivo, dal particolare all’allegro e così via.

Per quanto concerne i ricavi ottenuti dalla vendita delle caramelle, questi vengono devoluti in beneficenza alla società della tennista. Le caramelle, però, non si trovano in nessun negozio e in nessuna parte del mondo, ma sono vendute soltanto sul suo sito personale.

Sharapova e Squalifica per Doping

Nella sua carriera sportiva, però, non sono state tutte rose e fiori. Infatti, in seguito a un momento difficile della sua vita sentimentale, la tennista è stata dichiarata positiva a uno dei controlli antidoping, avvenuto il 26 gennaio 2016. La “mazzata” è arrivata in seguito a una conferenza stampa del 7 marzo 2016, in cui è stata approvata la squalifica. Fortunatamente, l’istanza fu ridotta a un anno e tre mesi, permettendole di tornare in campo nell’aprile del 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *